LA FORTEZZA DEL VARIGNANO – TEAM EXPLORER PSAI

Lo scorso anno il Fondo per l’Ambiente Italiano (FAI), nel quadro delle giornate di libero accesso ai luoghi storici italiani, ha eccezionalmente ottenuto l’accesso alla storica fortezza del Varignano, sede del Comando Raggruppamento Subacquei ed Incursori, nonché sede stanziale del Gruppo Operativo Incursori.

Tra i tantissimi visitatori che hanno visitato le storiche mura, erano presenti anche i ragazzi del Team Explorer PSAI Italia, un gruppo di subacquei con la passione della ricerca storica di eventi della Seconda Guerra mondiale. Il caso ha voluto che mentre erano in coda per entrare al Varignano, si sono ritrovati a fianco di alcuni incursori in congedo soci ANAIM, tra i quali il Segretario Nazionale della nostra Associazione. Venuti a conoscenza della Storia della decima MAS ed in particolare di Bocca di Serchio, i ragazzi decisero di effettuare alcune ricerche nei pressi della “Casina degli Assaltatori“.

A seguito della ricerca, effettuata principalmente per mezzo di un metal detector, i ragazzi rinvennero alcuni interessanti cimeli, che hanno successivamente donato alla Sala Storica del GOI in occasione dell’ultimo Raduno Incursori.

Sul sito di SCUBAPORTAL.IT  puoi leggere tutta l’interessante relazione della loro ricerca.

La decorazione tedesca “Croce di Ferro” rinvenuta nei pressi della Casina degli Assaltatori di Bocca di Serchio
Varignano: consegna dei cimeli rinvenuti presso Bocca di Serchio
Varignano, consegna dei cimeli rinvenuti presso Bocca di Serchio e donati alla Sala Storica del GOI

Le immagine proposte sono di proprietà di SCUBAPORTAL.IT

Consegna della bandiera del GOI alla vedova dell’AI Barnaba

Majano (UD), venerdì 30 marzo

Mario Barnaba
Mario Barnaba

Venerdì 30 marzo nel cimitero di San Tomaso di MAJANO, presso la nicchia contenente le ceneri del compianto A.I. del 17° Corso Incursori “SQUALIMario BARNABA, è avvenuta la consegna di un cofanetto contenente la bandiera del GOI alla Vedova Signora Bianca LORIERI BARNABA. Il cofanetto è stato donato dal Comandante del Gruppo Operativo Incursori

Alla semplice cerimonia hanno preso parte un A.I. friulano in servizio effettivo quale rappresentante del G.O.I., l’A.I. del 17° Corso Italo BELLUSSI e altri due A.I. friulani.

La Vedova, visibilmente commossa, ha rivolto parole di gratitudine per l’alto pensiero che il G.O.I. ha avuto nei suoi confronti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Precetto Pasquale

Precetto PasqualeMercoledì 14 marzo 2018 alle ore 12.00, presso la chiesa parrocchiale di Nostra Signora delle Grazie, si svolgerà una Santa Messa di Precetto Pasquale a favore di tutto il personale di Comsubin in servizio ed in congedo.

In tale occasione verrà fatta memoria del STV PA/IN Lorenzo Lazzareschi nel 20° anniversario della sua scomparsa.

Per informazione dalle 11.00 sarà possibile accedere al Sacramento della Confessione.

OPERAZIONE 4 MORI – GLI INCURSORI SI RITROVANO

Tavolara, 12-13-14 Maggio 2017

Non è importante l’obiettivo, l’importante è centrarlo.

La Operazione 4 Mori, organizzata per ricordare i valori del Gruppo Incursori e per onorare chi è caduto difendendo quegli stessi valori, ha richiesto l’intervento di molti uomini provenienti da ogni angolo d’Italia. Uomini speciali, che ancora una volta hanno lasciato le loro case e le loro famiglie per issare al cielo una sola voce, un solo canto, una sola bandiera.

La missione si è svolta a Tavolara, in un luogo sospeso tra incanto e poesia nel blu profondo del mare di Gallura, in Sardegna. Uno scenario incantevole ma anche temuto, teatro di mille e più operazioni passate, dove ognuno di noi è diventato uomo prima ancora che soldato.

Se l’obiettivo della nostra operazione era rinnovare la fratellanza del Gruppo Incursori e ricordare le tante imprese passate, il bersaglio è stato centrato oltre le migliori aspettative. Un ringraziamento particolare va ai nostri fratelli organizzatori, che sono riusciti nell’impresa di farci sentire in ogni momento come se fossimo a casa nostra.

La logistica è stata semplicemente straordinaria, con strutture a dir poco meravigliose, pranzi e cene impossibili da dimenticare e festeggiamenti organizzati in ogni minimo particolare. Una cornice fantastica, all’interno della quale è stato un piacere fraternizzare tra giovani e meno giovani, ricordando i tempi passati e rivivendo insieme emozioni che non tutti sono in grado di comprendere.

Oltre all’obiettivo primario, l’Operazione 4 Mori prevedeva una serie di sopralluoghi da togliere il fiato, che ripercorrevano passo a passo le tappe delle nostre esperienze e dei nostri traguardi giovanili: da Porto San Paolo all’Isola di Tavolara fino a Porto Taverna, luoghi rimasti indelebilmente impressi nei nostri occhi e nei nostri cuori per tutti questi anni.

Nella serata di sabato, a coronamento di questo capolavoro di collaborazione e senso di appartenenza, una bellissima cena alla presenza del Sindaco e del Comandante dei Carabinieri, sigillo di una reciproca e profonda condivisione di valori e gradita occasione per un doveroso scambio di riconoscimenti.

La domenica, accompagnati dal sole di Sardegna e dalla rassicurante voce delle onde, abbiamo camminato fino alla spiaggia di Budoni “Li Corri di Li Becchi”, dove un cippo monumentale a strapiombo sul mare dedica la sua presenza alla memoria dell’Incursore Eugenio Molesti. Una mattinata commovente oltre le lacrime, punteggiata dai toccanti racconti dei compagni di Eugenio e dipinta sul teatro operativo di molte generazioni di Incursori.

Ritornati al nostro punto di incontro e allietati da un ultimo piacevole rinfresco, è infine giunto il momento dei saluti, occasione irrinunciabile per iniziare a programmare e a caldeggiare la prossima “operazione” prima di fare ritorno a casa.

Per concludere è d’obbligo un ringraziamento speciale per gli Incursori Arrigo Boscolo e Giuseppe Taras, autori insieme ai loro fidati collaboratori di un incontro così perfetto che difficilmente potremo dimenticare.

G.S.

Operazione 4 Mori