MINISTERO DELLA DIFESA: OPERAZIONI SPECIALI – IL LIBRO

Salone Internazionale del Libro di Torino, presentato il libro:”Operazioni Speciali”

“I nostri operatori delle Forze Speciali sono tra i migliori al mondo. Ragazzi con eccezionale equilibrio ed elevato addestramento, adesso il Paese è maggiormente consapevole della loro importanza” ha spiegato il Generale Graziano Capo di Stato Maggiore della Difesa durante la presentazione del Libro Operazioni Speciali, presso lo stand della Difesa al Salone del Libro di Torino, ricordando che le operazioni speciali sono state un’invenzione delle Forze Armate durante la Grande Guerra.

Operazioni Speciali - il libro
Operazioni Speciali il libro fotografico del Ministero della Difesa

Una finestra sul mondo delle Forze Speciali italiane, reparti di élite addestrati a operare in ambiente ostile e a grande distanza dalle linee amiche. Un’eccellenza della Difesa che viene descritta con centinaia di immagini, largamente inedite, lungo un percorso che attraversa tutti i domini di intervento.

Questi i contenuti del volume fotografico “Operazioni Speciali”, edito dallo Stato Maggiore della Difesa, presentato oggi al Salone Internazionale del Libro di Torino, dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, con la brillante conduzione del Dr. Massimo Giletti.

Il Generale Graziano ha sottolineato come “le operazioni speciali, il contrasto di attività di matrice insurrezionale e terroristica, la liberazione di ostaggi, le incursioni contro obiettivi avversari, le ricognizioni speciali e l’addestramento delle forze di sicurezza di Paesi a deficit di stabilità, sono operazioni militari non convenzionali ad effetto strategico. Si tratta di operazioni affidate a reparti di élite delle Forze Armate, in possesso di elevatissime qualifiche tecniche e operative, addestrate ad operare nei tre domini di riferimento – terrestre, marittimo e aereo – in ambiente ostile e a grande distanza dalle unità amiche.”

Il Capo di Stato Maggiore della difesa ha, inoltre, sottolineato come “il Libro Bianco per la Sicurezza Internazionale e la Difesa” evidenzi l’importanza strategica delle Forze Speciali e le Forze  per Operazioni Speciali e sancisca l’esigenza di rafforzare tale specifico comparto, rendendone le capacità esprimibili  più integrate e sinergiche con le forze convenzionali. Questo processo di ampliamento e rafforzamento dovrà passare anche attraverso l’acquisizione di specifici sistemi tecnologici d’avanguardia, specialmente nel campo della mobilità.”

La presentazione del volume è stata impreziosita dalle testimonianze personali di Massimo Giletti, che è stato più volte giornalista “embedded” nei reparti delle Forze Armate impegnati in missioni all’estero in Afghanistan ed Iraq, nonché dalla presenza e la testimonianza del Caporal Maggiore scelto degli alpini paracadutisti Andrea Adorno, Medaglia d’Oro al Valor Militare per l’eroico comportamento tenuto in Afghanistan nel 2010, quando, sebbene ferito da un proiettile di grosso calibro durante un attacco dell’insorgenza talebana, continuò a combattere mantenendo saldamente la propria posizione ed evitando, così, che i propri commilitoni potessero essere raggiunti dal fuoco avversario.

(testo interamente tratto dal sito del Ministero della Difesa)

Puoi trovare il libro in vendita su IBS al prezzo di 17 €

Costantino Borsini: l’Uomo, il Marinaio, l’Eroe

L’Accademia dei Curiosi è lieta di invitare la S.V. alla presentazione del libro:

Costantino Borsini: l’Uomo, il Marinaio, l’EroeComandante Borsini

Il Comandante si è inabissato con la sua nave

di Massimiliano Naressi, Macchione Editore

Venerdì 25 novembre 2016, ore 21.00, 

Sala Consiliare del Comune di Malnate, ingresso da via De Mohr.

All’alba del 21 ottobre 1940 il cacciatorpediniere Francesco Nullo, dopo un aspro combattimento notturno, si inabissava nel Mar Rosso. Il Comandante Costantino Borsini, dopo aver verificato che l’equipaggio avesse lasciato la nave, decideva di restare a bordo e perire con essa. Veniva raggiunto in plancia dalla sua ordinanza, il marinaio torrese Vincenzo Ciaravolo, pochi istanti prima che la nave scomparisse tra le onde, in un duplice gesto di eroismo unico nel suo genere. Entrambi furono decorati con Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria. Oggi il pattugliatore della Marina Militare Comandante Borsini ricorda l’ufficiale che fu cittadino di Malnate ed è ricordato tra le Medaglie d’Oro Varesine alla Memoria incise sulle pareti dell’Arco Mera nel centro di Varese.

In collaborazione con: Associazione Culturale Betasom

IX RADUNO NAZIONALE NASTRO VERDE MAURIZIANO

TARANTO 23 – 24 – 25 SETTEMBRE 2016

Nei giorni 23 – 24 e 25 settembre p.v. si terrà a Taranto il IX raduno nazionale dell’Associazione Nazionale Nastro Verde.Raduno nazionale ANNV
In particolare si evidenzia che:
  • il giorno 24 è dedicato alla consegna del Premio Letterario dedicato alla memoria del Comandante MOVM Emilio BIANCHI,  presso il salone degli specchi del Palazzo di città del  comune di Taranto;
  • il giorno 25  l’intitolazione della sezione ANNV alla memoria del Comandante MOVM Emilio BIANCHI.

Scarica il programma e il regolamento del Premio Letterario del IX raduno nazionale dell’ANNV.

La Medaglia Mauriziana è stata istituita dal Re Carlo Alberto, per gli ufficiali già decorati dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, con Regie Magistrali Patenti del 19 luglio 1839, con il nome di “Medaglia Mauriziana per merito militare di 10 lustri”, disciplinata con Regio decreto 21 dicembre 1924. Nel dopoguerra è stata svincolata dall’Ordine Mauriziano rimasto nella mani di Casa Savoia e con Legge del 7 maggio 1954, n, 203 prima e con Legge 8 novembre 1956, n. 1327 poi, venne estesa ai sottufficiali e modificata, assumendo il nome di “Medaglia Mauriziana al Merito di 10 lustri di carriera militare”. Essa ha dato origine all’Associazione Nazionale Decorati di Medaglia d’Oro Mauriziana con l’appellativo “Nastro Verde”; nastro derivante dall’Ordine Mauriziano e più esattamente dall’ex Ordine di San Lazzaro.

La Medaglia viene concessa dal Presidente della Repubblica a ufficiali e sottufficiali delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato (Esercito Italiano, Marina Militare, Aeronautica Militare, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, al compimento di 50 anni di servizio utile, lodevolmente prestato. La Medaglia Mauriziana viene consegnata ai nuovi insigniti, per norma, da un Generale di Corpo d’Armata (o grado equipollente) ed in forma solenne, al cospetto di rappresentanze di tutte le categorie dell’Istituzione di appartenenza e di quella dell’Associazione “Nastro Verde”. Dal 1981 non viene più concessa al disciolto Corpo delle Guardie di P.S. (ora Polizia di Stato), per aver perso lo status di militare in seguito alla nota riforma dello stesso anno.
Il punzone con il quale sul retro della Medaglia vengono impressi il nome e cognome dell’insignito, un tempo veniva consegnato allo stesso beneficiario assieme alla decorazione, con la scritta “Al Cavaliere Mauriziano”.

L’Associazione Nazionale dei Decorati di Medaglia d’oro Mauriziana NASTRO VERDE per dieci lustri di carriera militare (ANNV), venne istituita il 14 Luglio 1969 in Como e ivi registrata il 17 Luglio 1969 con atto N. 21523 presso il notaio Dott. Pasquale IANNIELLO, per iniziativa di un gruppo di 82 Mauriziani: 24 Ufficiali e 58 Marescialli. Promotore il Mar. Magg. (EI) Cav. Uff. Gaetano MARINI di Lecce, al quale va attribuito il merito della fondazione dell’Associazione, dallo stesso sottoscritto l’atto assieme ad altri tre:

  • il Mar. Magg. CC Francesco MONTELEONE;
  • il Mar. Magg. EI Giuseppe RESTIVO;
  • il S. Ten. PS Antonio BONALDI;

Gli 82 Mauriziani fondatori appartenevano: 32 all’Esercito Italiano; 18 alla Marina Militare; 6 all’Aeronautica Militare; 17 all’Arma dei Carabinieri; 8 alla Guardia di Finanza; 1 all’ex corpo delle Guardie di P.S. Nel primo periodo dalla costituzione, l’Associazione ha svolto prevalentemente attività finalizzata a creare una rete sul territorio ed un organico per la sua gestione.