BREVETTO SPORTIVO TEDESCO DSA ( Deutsches Sportabzeichen )

Anche quest’anno un nostro socio ANAIM ha partecipato con successo al Brevetto Sportivo Tedesco DSA ( Deutsches Sportabzeichen ) che si è svolto Sabato 18 Marzo u.s presso il centro Sportivo della Guardia di Finanza. In questa sezione primaverile del Brevetto DSA il Socio Marco C. ha conseguito brillantemente il Brevetto Argento superando tutte le prove previste nonostante un infortunio alla caviglia occorso durante lo svolgimento delle prove. Benché, in seguito all’incidente, fosse stato invitato dagli organizzatori a fermarsi, Marco ha continuato stoicamente e senza esitazione, impegnandosi ancora di più al superamento di tutte le prove previste, dando prova di resistenza e tenacia.

Il Deutsches Sportabzeichen, Brevetto Sportivo Tedesco, con legge dello Stato Tedesco (BGBl.l,S.422), ha acquisito nel 1958 dignità di ONORIFICENZA DELLA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA.

Il Brevetto Sportivo Tedesco è costituito essenzialmente di 5 prove sportive: salto, corsa veloce, lancio del peso, corsa mezzofondo + una prova di nuoto.

Il Brevetto è rilasciato da un organismo Statale, il DEUTSCHER OLYMPISCHER SPORTBUND  Ente Federale Sportivo ed Olimpico Tedesco.

Al conseguimento del Brevetto viene rilasciato un documento ufficiale numerato (URKUNDE) per la registrazione sui documenti matricolari, ed un nastrino (medaglia per la GUI/GUE), il quale viene portato sull’Uniforme (sopra la patella del taschino sinistro). Il pin centrale del nastrino è in Bronzo, Argento o Oro

Al Socio Marco C. vanno i migliori complimenti del CDN ANAIM per i brillanti risultati ottenuti.

GARA MILITARE “PREALPI 2016”, CORDIGNANO (TV)

Sabato 15 Ottobre 2016 si terrà a Cordignano (TV) l’ottava edizione della gara militare “Prealpi 2016”.

Nell’ambito delle attività di Statuto, il Comitato Promotore della Federazione Nazionale Riservisti (FNR), con la partecipazione di propri iscritti e di riservisti stranieri nelle funzioni arbitrali, operative e logistiche, organizza la Gara militare internazionale “Prealpi 2016”.
Gara militare Prealpi 2016La manifestazione si svolgerà a Cordignano (TV) il prossimo 15 ottobre 2016 e ha il patrocinio della Regione del Veneto e della Amministrazione Comunale di Cordignano.
Informazioni, documentazione di gara e modulo di iscrizione (elettronico) sono disponibili nel sito internet della Federazione Nazionale Riservisti (www.riservisti.it), dove è allestita una pagina dedicata alla gara, accessibile dalla pagina principale, e nella pagina di FNR sulla piattaforma Facebook.

Con finalità eminentemente addestrative, la gara si compone di una serie di esercizi che verranno valutati dai commissari di gara a questo fine nominati. Percorso e prove di gara sono stati individuati e sottoposti a prove preliminari dal Comitato Promotore della Federazione Nazionale Riservisti, integrato dai commissari di gara. La gara si svolge interamente in zone non antropizzate e i vari punti possono essere raggiunti percorrendo piste e sentieri esistenti, che non sempre sono riportati nella cartografia militare fornita.prealpi-008-2016-impianto-di-gara

La distanza totale per completare l’intero percorso di gara è di circa 12 chilometri, interamente compresi in una fascia di circa 500 metri di quota. In alcune postazioni, gli esercizi saranno svolti da ogni singolo componente la squadra.

Le prove di ardimento saranno svolte solo in condizioni di sicurezza; l’esecuzione delle stesse è facoltativa, non ne consegue penalizzazione, ma l’ovvia mancanza del relativo punteggio.

Sono invitati a partecipare alla gara militari in servizio attivo e della Riserva italiani e dei Paesi alleati e amici, in squadre di almeno 3 persone, mentre le squadre complete sono composte di 4 persone.
Il personale partecipante, a qualsiasi titolo, indosserà l’uniforme militare SCE, secondo la normativa in vigore.

SCARICA L’INVITO
SCARICA LE INFORMAZIONI
SCARICA IL REGOLAMENTO
SCARICA L’IMPIANTO DI GARA

UNA NUOVA OPPORTUNITA’: DA SUBITO INCURSORE

COGLI L’ATTIMO: DIVENTA SUBITO INCURSORE

a cura dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico di COMSUBIN.

Alcune volte quello che ti riserva la vita è davvero incredibile: ci sono degli avvenimenti, molti dei quali sono la conseguenza delle nostre scelte, che senza preavviso ed in tempi rapidissimi te la possono sconvolgere.

Potremo citare mille esempi, sia in bene che in male, che avvallerebbero quest’affermazione, ma oggi vorremo proporre al lettore una “scelta” che, qualora assunta, lo catapulterebbe in un mondo appassionante ed unico di cui ha solo sentito parlare o che ha vissuto virtualmente nei videogames. Concorso per diventare subito Incursore della Marina Militare

Si diciamo a te! A te che fino a ieri eri uno studente che non si aspettava nulla di particolare dalla vita; a te che eri preparato ad iscriverti all’università ed intraprendere quel cammino rituale a cui molti giovani si sottopongono senza esserne troppo convinti.

Forse dai media o curiosando su internet hai già sentito parlare degli Arditi Incursori, delle loro missioni e di quanto siano particolari le loro capacità operative. Ora c’è un opportunità nuova che, a differenza di quello che prevedrebbe il normale iter formativo di questi uomini, ti permetterebbe di assaporare da subito l’avventura ed il particolare stile di vita che solo il Raggruppamento Subacquei ed Incursori della Marina ti può offrire: diventare da subito Incursore!

Entro pochi giorni uscirà sulla Gazzetta Ufficiale (4a serie speciale) un bando di reclutamento per diventare Volontario in Ferma Prefissata di un anno (VFP1) nella Marina Militare. Nell’ambito di questo concorso sarà possibile chiedere di poter essere arruolato come Incursore e, qualora risultato idoneo, venire immediatamente destinato a Comsubin per frequentare il relativo corso propedeutico.

La procedura di reclutamento, molto semplice, sarà gestita attraverso le indicazioni disponibili nel portale dei concorsi on-line del Ministero della Difesa, raggiungibile attraverso il link concorsi on-line Difesa presente sul sito internet www.difesa.it. Durante questa fase sarà possibile indicare con un semplice click se vorrai fare l’Incursore.

A questo punto sarai chiamato a sottoporti ad una serie di accertamenti diagnostici che avranno lo scopo di verificare la tua idoneità all’ingresso in Marina e alla frequenza del corso specialistico da te prescelto. Se risulterai vincitore di concorso, dopo un brevissimo periodo conoscitivo della Marina Militare che si svolgerà a Mariscuola Taranto, sarai destinato nell’antica base del Varignano dove ha sede il COMSUBIN, Comando dei Subacquei e degli Incursori. Qui inizierà il tuo futuro!

Benché i corsi propedeutici ai corsi per Incursori siano molto selettivi, con la volontà e l’impegno, questi possono essere affrontati con una certa serenità. I corsi durano quasi tutto il periodo della ferma (circa anno), ma se venissero superati darebbero titolo a conseguire immediatamente l’estensione della stessa ad ulteriori quattro anni, tempo necessario a completare i rispettivi iter di formazione. A quel punto, coloro che avranno conseguito il brevetto saranno posti in Servizio Permanente Effettivo nel Gruppo Operativo Incursori.

Oggi attraverso quest’incredibile opportunità potrai iniziare il corso propedeutico da Incursori un mese dopo essere entrato in Marina, contro il sistema di reclutamento tradizionale che prevede, nel migliore dei casi, almeno tre anni e tre diverse selezioni da superare nell’ambito dei concorsi da VFP1, da VFP4 e per i corsi specialistici del Raggruppamento.

Cogli l’attimo, diventa subito Incursore di Comsubin!

Concorso per diventare subito incursore della Marina Militare

DIVENTARE SUBITO INCURSORE

Il corso propedeutico Incursori è suddiviso in quattro fasi anticipate da un test d’ingresso. Quest’ultimo non è uno sbarramento invalicabile, anche se la forma fisica è un requisito cui l’aspirante incursore deve dedicare alcune ore della sua giornata. Le prove selettive consistono in:

  • tuffo di piedi da un trampolino alto 5 metri

  • prova di nuoto a stile libero

  • una corsa di 300 metri da coprire in meno di 47 secondi

  • trazioni alla sbarra

  • piegamenti sulle braccia e addominali

  • salita su fune di 5 metri

  • salto in alto.

Superate positivamente queste prove gli allievi Incursori iniziano un intenso percorso formativo così suddiviso:

Accentramento: i candidati sono sottoposti alle prove selettive medico/funzionali dall’Infermeria di Comsubin ed alle prove fisiche e di acquaticità operativa in vasca.

Prima fase – combattimento a terra: prevede il superamento di numerosi test fisici e la formazione all’impiego delle armi e degli equipaggiamenti, alla conoscenza della topografia e più in generale a tutto quello che concerne il movimento tattico individuale e di pattuglia sul terreno. In essa si iniziano a sviluppare le tecniche di difesa personale e si acquisiscono i primi rudimenti di movimenti su parete rocciosa che saranno perfezionati nel prosieguo del corso. La giornata tipo comincia con corsa e ginnastica e prosegue con lezioni teoriche e attività pratica diurna e notturna. Mano a mano che si acquisiscono nuove capacità operative, aumenta anche la preparazione fisica e, ovviamente, le difficoltà da superare. L’allenamento diventa sempre più intenso, con marce veloci in assetto pesante fino ad una prova finale di 40 chilometri di marcia notturna da svolgere in non più di 7 ore, con un carico di 18 chili di equipaggiamento.

Seconda fase – combattimento in acqua: è la fase più dura e selettiva del corso. L’attività è dedicata prevalentemente al nuoto in superficie e in immersione, sia di giorno che di notte. In questa fase gli allievi dovranno dimostrare di essere a loro agio sott’acqua e di saper coprire lunghe distanze a nuoto con i propri equipaggiamenti. L’allievo acquisisce in questa fase anche capacità di condotta di gommoni veloci e viene sottoposto a un esame pratico e teorico durante il quale dovrà dimostrare di avere appreso, tra l’altro, anche nozioni di nautica e aerofotografia.

Terza fase – anfibia: in questo momento formativo gli allievi dovranno apprendere le tattiche e tecniche per passare dal mare alla terra e viceversa e perfezioneranno le loro conoscenze con l’impiego di diversi tipi di armi speciali in dotazione, acquisendo esperienza sia nel tiro mirato che in quello istintivo/operativo. Impareranno anche a usare gli esplosivi e le cariche da demolizione nonché ad operare da/con elicotteri. Questa fase si conclude con tre esercitazioni notturne di ricognizione o di attacco di tipo anfibio, contro obiettivi sulla costa e/o unità navali.

Quarta fase – condotta di operazioni: è l’ultima fase del corso durante la quale gli allievi dovranno dimostrare di saper integrare tutto quanto appreso e metterlo in pratica in ogni ambiente operativo, di saper pianificare un’operazione speciale e di saper gestire i mezzi necessari. Gli ultimi test consistono in una complessa esercitazione finale e in una verifica scritta e orale su quanto appreso durante tutto il corso.

Al termine del corso gli allievi sostengono gli esami teorici di tutte le materie di studio, superati i quali, entreranno a pieno titolo nel Gruppo Operativo Incursori.

NAVE VESPUCCI RIPRENDE IL MARE! CROCIERA 85° ANNIVERSARIO

CAMPAGNA 85° ANNO, NAVE VESPUCCI RIPRENDE IL MARE.

vespucci85

NNave Vespucci a vele spiegateell’anno della ricorrenza del suo 85° anniversario, il Vespucci torna a solcare i mari per portare il nostro tricolore in numerosi porti nazionali ed esteri, contribuendo ad affermare l’immagine del Paese.

Dopo un’importante sosta per lavori di ammodernamento, finalizzata al prolungamento della sua vita operativa, il Vespucci sta per riprende il mare.

I lavori di ammodernamento, che hanno interessato le capacità operative, l’adeguamento delle sistemazioni logistiche di bordo a standard moderni, la sostituzione dell’apparato propulsivo, gli apparati di generazione elettrica e nuovi sistemi di piattaforma, sono stati rivolti principalmente a rendere in generale l’unità più efficiente e orientati rigorosamente alla tutela ambientale.

Tradizione e innovazione, un connubio che va di pari passo con l’arte marinaresca e l’evoluzione tecnologica, elementi cardine della nostra Forza Armata.

Dal 22 Febbraio 1931, anno del suo varo presso i cantieri di Castellammare di Stabia, nave Vespucci ha svolto, e svolge ancora oggi, l`addestramento degli allievi ufficiali dell`Accademia Navale di Livorno.

Per molte generazioni di Marinai è stato una scuola ‘galleggiante’, a bordo della quale hanno conosciuto il mare, lo hanno affrontato in ogni condizione, imparando le antiche tecniche marinaresche, essenziali per chi va per mare, anche a bordo delle più moderne navi.

Se vuoi conoscere uno dei velieri più belli ed affascinanti al mondo, nonché il più anziano ancora in servizio, non perdere l’opportunità di visitare nave Vespucci in una delle numerose soste della “Campagna 85° anno“.

Se invece non hai la possibilità di visitare dal vivo la nave in una delle sue numerose soste, guarda il filmato I SEGRETI DEL “NUOVO” AMERIGO VESPUCCI dove il Tenente di Vascello Giuseppe VALENTE, Capo Servizio Marinaresco di nave Vespucci, racconta con dovizia di particolari tutti i lavori di ammodernamento effettuati sulla nave presso l’Arsenale Militare di La Spezia.

IL GOI SI ADDESTRA NEL POLIGONO DI MONTE ROMANO

(di Marina Militare)

01/03/16  

Incursori in addestramento nel poligono di Monte RomanoNei giorni scorsi gli Incursori di Comsubin hanno portato a termine uno dei periodi addestrativi più intensi, nell’ambito delle esercitazioni annuali. Un’attività complessa, volta a preparare i reparti delle forze speciali della Marina e sviluppare le capacità di combat support del reggimento San Marco.

L’attività, pianificata, organizzata e condotta dall’Ufficio Addestramento del Gruppo Incursori, ha proiettato nel poligono di Monte Romano il proprio Posto Comando Task Unit Maritime, impiegando gli assetti di supporto ai reparti operativi del Comsubin, telecomunicazioni, informatici e difesa installazioni.

 

L’esercitazione, sviluppata attraverso una serie di simulazioni di schieramento delle unità in differenti scenari, ha avuto lo scopo di testare in un ambiente tipicamente terrestre le procedure tecnico/tattiche.

Durante le operazioni i reparti hanno ricevuto la visita del comandante di Comsubin, contrammiraglio Paolo Pezzutti, accompagnato dal comandante del Gruppo Operativo Incursori, capitano di vascello Massimiliano Rossi, che si sono recati al poligono per assistere direttamente alle fasi più importanti dell’addestramento.

Incursori in addestramento a fuoco nel poligono di Monte Romano

(testo ed immagini interamente tratti dal sito DIFESA ONILINE)