GARA MILITARE “PREALPI 2016”, CORDIGNANO (TV)

Sabato 15 Ottobre 2016 si terrà a Cordignano (TV) l’ottava edizione della gara militare “Prealpi 2016”.

Nell’ambito delle attività di Statuto, il Comitato Promotore della Federazione Nazionale Riservisti (FNR), con la partecipazione di propri iscritti e di riservisti stranieri nelle funzioni arbitrali, operative e logistiche, organizza la Gara militare internazionale “Prealpi 2016”.
Gara militare Prealpi 2016La manifestazione si svolgerà a Cordignano (TV) il prossimo 15 ottobre 2016 e ha il patrocinio della Regione del Veneto e della Amministrazione Comunale di Cordignano.
Informazioni, documentazione di gara e modulo di iscrizione (elettronico) sono disponibili nel sito internet della Federazione Nazionale Riservisti (www.riservisti.it), dove è allestita una pagina dedicata alla gara, accessibile dalla pagina principale, e nella pagina di FNR sulla piattaforma Facebook.

Con finalità eminentemente addestrative, la gara si compone di una serie di esercizi che verranno valutati dai commissari di gara a questo fine nominati. Percorso e prove di gara sono stati individuati e sottoposti a prove preliminari dal Comitato Promotore della Federazione Nazionale Riservisti, integrato dai commissari di gara. La gara si svolge interamente in zone non antropizzate e i vari punti possono essere raggiunti percorrendo piste e sentieri esistenti, che non sempre sono riportati nella cartografia militare fornita.prealpi-008-2016-impianto-di-gara

La distanza totale per completare l’intero percorso di gara è di circa 12 chilometri, interamente compresi in una fascia di circa 500 metri di quota. In alcune postazioni, gli esercizi saranno svolti da ogni singolo componente la squadra.

Le prove di ardimento saranno svolte solo in condizioni di sicurezza; l’esecuzione delle stesse è facoltativa, non ne consegue penalizzazione, ma l’ovvia mancanza del relativo punteggio.

Sono invitati a partecipare alla gara militari in servizio attivo e della Riserva italiani e dei Paesi alleati e amici, in squadre di almeno 3 persone, mentre le squadre complete sono composte di 4 persone.
Il personale partecipante, a qualsiasi titolo, indosserà l’uniforme militare SCE, secondo la normativa in vigore.

SCARICA L’INVITO
SCARICA LE INFORMAZIONI
SCARICA IL REGOLAMENTO
SCARICA L’IMPIANTO DI GARA

ALLENATI CON GLI INCURSORI DELLA MARINA: L’AIR SQUAT

UN FISICO SPECIALE

Ai propri estimatori l'ANAIM apre un sorta di rubrica con lo scopo di promuovere una sana attività fisica, con la collaborazione dei nostri incursori.
Buon allenamento!!

 

La rubrica vuole porre in evidenza le metodiche riguardanti il condizionamento atletico e gli esercizi utilizzati dagli incursori della Marina Militare per raggiungere i parametri prestativi di cui hanno bisogno. I sistemi allenanti e le metodologie che verranno proposte, con le dovute adattabilità, vogliono essere d'aiuto sia a chi non ha velleità agonistiche, sia per quell'utente che si pone obiettivi prestativi e che quindi cerca nel condizionamento atletico il supporto indispensabile a migliorare le performance del suo sport.

Il nostro concetto di condizionamento atletico prevede di creare un atleta che sappia muoversi nei vari domini del fitness e che consapevolmente sfrutti i diversi meccanismi energetici (fosfageno, glicolitico ed ossidativi). Verrà presentato un programma atletico su due tipi di esercizi:

  • multi-planari: non dobbiamo muoverci solo in una direzione, come ci costringe ad esempio la corsa tradizionale su strada, ma applicare anche una corsa che implichi movimenti che si sviluppano sui tre assi;
  • multi-articolari: siamo un corpo solo e come tale dobbiamo riappropriarci di movimenti naturali e completi.

Per riuscire in un tale obiettivo è necessario applicarsi su esercizi a corpo libero e su quelli multi-articolari della pesistica di base che non isolano i movimenti ma sviluppano ed enfatizzano l'uso di più muscoli-articolazioni contemporaneamente. L'intenzione è quella di proporre il mondo della preparazione fisica così come noi lo concepiamo. Mentre tutti parlano di macchine noi parliamo di corpo libero, bilancieri liberi, esercizi ed attrezzi funzionali. Tutti parlano di muscoli, noi parliamo di catene muscolari e mentre il mondo parla di stretching noi parliamo di posture.

Per offrire un lavoro più coerente e completo possibile le linee guida degli incontri verranno sempre su aspetti pratici e teorici. Un tale binomio, seppur mantenuto su aspetti basici, è ritenuto indispensabile perché consente di creare nel lettore quel tessuto conoscitivo determinante a dare obiettività ai workout proposti. La pratica e la teoria sono strettamente correlate al fine di dirigere l'allenamento su traguardi realistici, di efficienza sia prestativi che di sicurezza. Il nostro obiettivo è di appassionare ed aiutare voi lettori alla sana pratica sportiva e ricordate: l'allenamento deve essere semplice, efficiente dal punto di vista del tempo ed efficace dal punto di vista muscolare.

Workout proposto: 5x10 air squat (curando la tecnica di esecuzione) Tabata - Air Squat

LO SQUAT

Uno dei primi movimenti multi-articolari che sono insiti nel nostro patrimonio genetico/biomeccanico è la possibilità di andare in accosciata (to squat). Fate questa piccola prova. Chiedete a un bambino di compere il movimento di "accosciata", senza l'ausilio di una sedia e senza toccare i glutei a terra. Vedrete che il soggetto divaricherà le gambe, porterà il sedere all'indietro mentre la schiena, per mantenere il network anatomico in equilibrio, si fletterà leggermente in avanti. Si avvierà, con questo assetto, la fase negativa del movimento (fase eccentrica) che prevede una triplice flessione (articolazione dell'anca - ginocchio - caviglia). Gli stessi movimenti attuatori, questa volta ovviamente in fase positiva (fase concentrica), saranno attuati e necessari per risalire e portarsi nuovamente nella stazione eretta. Questo movimento multi-articolare è quello che è conosciuto come squat a corpo libero (air squat) ed è il movimento biomeccanicamente più sicuro per portarsi in una posizione di "seduta".

L'allenamento deve essere semplice, efficiente dal punto di vista del tempo ed efficace dal punto di vista muscolare

PROTOCOLLO TABATA

Sviluppato negli anni '90 da uno scienziato giapponese il Protocollo Tabata è, ad oggi, uno dei metodi più utilizzati in ambiente sportivo per migliorare sia la potenza aerobica che le capacità anaerobiche di un atleta. Consiste nell'eseguire alla massima intensità un esercizio per 20 secondi intervallandolo con 10 secondi di riposo per 8 sequenze e per un totale di 4' di lavoro. Questo metodo ha dimostrato di produrre risultati eccellenti in termini di capacità sia aerobica (in misura maggiore all'attività aerobica stessa) che anaerobica (aumento della capacità in debito di ossigeno).

Air squat: posizione di partenza

FASE 2

Spingere indietro il bacino mantenendo le spalle addotte (arretrate). Mantenere il petto e lo sguardo alto. Le ginocchia non devono convergere all'interno ma seguire la linea immaginaria formata dal tallone e dalla punta del piede. Continuare a portare il bacino verso il basso.

Air squat: posizione di partenza

FASE 4

Bacino sull'immaginaria retta parallela al suolo passante per le ginocchia (anche al di sotto della stessa evitando però l'anteroversione del bacino). Peso del corpo sulla parte posteriore del piede. Ginocchia sull'asse del piede e non oltre la punta dello stesso. Spina dorsale in naturale curvatura e collo in posizione neutra. Sguardo e petto alto, spalle arretrate.

FASE 1

Divaricare leggermente le gambe per posizionare i talloni al suolo con una larghezza che non ecceda (è tollerata anche una larghezza di poco superiore) la larghezza delle spalle. La punta del piede deve essere leggermente orientata verso l'esterno. Il peso del corpo rigorosamente mantenuto sul tallone per tutta la durata dell'esercizio.

Air squat: posizione di partenza

FASE 3

Mantenere arretrato il bacino avendo cura che le ginocchia non oltrepassino la punta del piede mantenendole sull'asse sopra descritto. Mantenere il peso sulla parte posteriore del piede. Mantenere la naturale curvatura della spina dorsale e il collo in posizione neutra. Continuare a portare il bacino verso il basso.

Air squat: posizione di partenza

CSEN – AGGIORNAMENTO PER TECNICI SPORTIVI

CSEN

CSEN – Corso base di aggiornamento per Tecnici Sportivi

Nel programma di iniziative volte alla formazione dei quarti tecnici delle Associazioni/Società Sportive Dilettantistiche affiliate al CESN (Centro Sportivo Educativo Nazionale), la Presidenza Nazionale ha deliberato lo svolgimento di un “Corso di aggiornamento per Tecnici Sportivi” che avrà luogo a Borsaro Torinese (TO), presso l’Hoel Atlantic – Via Monterosi 18, nel periodo 10, 11 e 12 giugno 2016.

L’importante iniziativa che rientra nel progetto generale presentato al CONI, ha lo scopo di fornire utili indicazioni sulla conoscenza del sistema sportivo italiano, sull’ordinamento CSEN, sulla metodologia dell’insegnamento e dell’allenamento, sulla medicina dello sport, sul codice di comportamento e sull’etica, nonché sulla gestione ed organizzazione delle attività sul territorio in relazione ai rapporti con le istituzioni e committente pubbliche locali.

Se sei interessato scarica il programma dell’evento

SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT CONI LIGURIA

La Scuola Regionale dello Sport Coni Liguria ed il Delegato Provinciale del Coni di La spezia organizzano il corso: Aspetti tecnici, metodologici, psicologici e di comunicazione dell’allenamento giovanile di oggi!

Il seminario, tenuto dalla Dott.ssa Silvia Cabano – docente di Scienze Motorie, Dott.ssa specializzata Psicologia Clinica, esperta Scuola Regionale Coni della Liguria -, si terrà martedì 12 e 19 aprile 2016 presso la Casa dello Sport in Viale Italia, 547 La Spezia.

Nel corso del seminario verranno approfonditi gli aspetti relativi alle competenze comunicative del tecnico giovanile.

Scadenza iscrizioni 11 aprile 2016.

Per info contattare la segreteria della Scuola Regionale dello Sport al 010/581166 oppure via e-mail a srdsliguria@coni.it

Comunicato corso Coni
Clicca sull’immagine per scaricare il programma del corso

TROFEO BIRINDELLI 2016, SI RIPARTE!!

Finalmente ci siamo, si riparte, il prossimo 20 Marzo 2016 presso il TAV Le Fornaci, via Costa delle Noci in Località Fornaci, Roccamassima ( LT ) partiamo con il 4° Trofeo intitolato all’Ammiraglio Gino Birindelli MOVM.

Trofeo Birindelli 2016
L’Ammiraglio Gino BIRINDELLI

Il Trofeo Birindelli 2016 sarà caratterizzato da una nuova veste multi disciplinare dove alle consuete gare TISMA verrà affiancata una gara di Tiro a Volo nella specialità della Fossa Olimpica, una gara di tiro in Ex Ordinanza ( gemellata e organizzata con UNUCI sezione Ostia ) nella consueta gara finale di tiro di precisione Sniper che concluderà il trofeo.

Sarà un trofeo molto lungo (cinque gare) e impegnativo, sia sotto il profilo tecnico che atletico.
Come già avvenuto lo scorso anno, tutti coloro che avranno disputato almeno 4 gare sulle 5 previste prenderanno parte alle estrazioni finali dei premi che, al solito, saranno composti da armi e attrezzatura tecnica dedicata al tiro.
Visto il livello tecnico che verrà richiesto in questa edizione del trofeo, ANAIM ha messo in programma una serie di allenamenti con cadenza mensile che a tutt’oggi stanno interessando diversi soci.

Ma veniamo alla prima gara del Trofeo Birindelli 2016
Come già specificato, la prima gara del trofeo sarà una gara organizzata nella specialità di tiro della Fossa Olimpica.
ANAIM sezione Tiro ha previsto una serie di giornate dedicate al tiro di preparazione e ottenuto la disponibilità del campo per l’intera giornata precedente la gara per permettere a tutti di provare e allenarsi.

Come di consueto, a tutti coloro che non dispongono di armi adatte al tiro a volo, ANAIM Sezione Tiro metterà a disposizione gratuitamente l’occorrente.
E’ molto importante la vostra partecipazione a questo evento, sia per lo spessore atletico che ricopre sia per l’importanza dell’evento stesso.
Anche i costi della gara sono stati ridotti al minimo (appena sufficienti alla copertura delle spese), per dare modo a tutti di poter partecipare e confrontarsi in questa affascinante disciplina.

Continua a leggere